L’architettura a Cortina d’Ampezzo

…L’architettura a Cortina d’Ampezzo è ineffabile, presenta sempre carattere di eccezionalità e parla il linguaggio delicato e complesso del recupero edilizio e del restauro, adotta i criteri di adattabilità. Non conosce l’innovazione, ragiona sulla base dell’adeguamento. Eppure muoversi in questo contesto è affascinante…

…L’esercizio primo è “sentire” questi luoghi, rimanere ferma a guardare e ad ascoltare, calarsi nella percezione delle loro caratteristiche e delle potenzialità, ed è sicuramente più facile per chi è stanziale. Solo succesivamente a questa fase avviene “l’evocazione” che è l’immagine, il sogno architettonico, in un luogo come Cortina.

Ambra Piccin

Dai un occhiata ai lavori

Sfoglia tutte le pubblicazioni su issuu

Spesso mi chiedono come progetto, come arrivo in un tempo sufficientemente limitato a creare un’architettura che la maggior parte delle testate di settore pubblica, anche più di una volta. Per me progettare significa andare oltre. Superare i limiti, giocare con le difficoltà e rendere vivo e attuale qualcosa di statico.

La mia visione dell’architettura è proprio come i miei progetti: in perenne, armonico contrasto tra passato e futuro, tra tradizione e innovazione, tra classicità e tecnologia. Un “luogo mentale” dove sperimentare le idee più innovative, inserendole in un “luogo fisico” dove le esigenze degli spazi e dell’ambiente circostante devono armonizzarsi con quelle della vita di ogni giorno, fatta di comodità e di emozioni. Un insieme di elementi che si incastrano tra loro: idee, forme, materiali, persone, misure, tempi e metodi, da coordinare e ottimizzare.

Elementi che oggi nel mio Studio fanno parte di un sistema collaudato, dove, a fine lavori, emergono solo i dettagli di stile, frutto di un processo produttivo altamente qualificato, dove nulla è seriale perché tutto nasce pensato per qualcuno. Ecco perché sempre più, nel tempo, le mie realizzazioni sono diventate opere di design: oggetti, scale, boiserie, tutto è esclusivo perché progettato singolarmente per stare dove è collocato.